ATTENZIONE: Il browser in uso non è in grado di visualizzare la pagina correttamente, si prega di passare ad una versione più aggiornata.


Prometeo. Tragedia dell'ascolto

per solisti vocali e strumentali, coro misto, 4 gruppi strumentali e live electronics

Scheda

Data di composizione: 1981-1985
Prima versione: 1981-1984
Versione definitiva: 1985

Testi: a cura di Massimo Cacciari, da Walter Benjamin (Sul concetto di storia), Eschilo (Prometeo incatenato), Euripide (Alcesti), Johann Wolfgang von Goethe (Prometeo), Erodoto (Storie I, 32), Esiodo (Teogonia), Friedrich Hölderlin (Schicksalslied e Achill), Pindaro (Nemea, VI), Arnold Schoenberg (Das Gesetz e Moses und Aaron) e Sofocle (Edipo a Colono)

Organico: 2 Soprani; 2 Contralti; 1 Tenore; 2 Voci recitanti; Flauto contrabbasso e basso, Flauto, Ottavino; Clarinetto contrabbasso (Si♭), Clarinetto (Si♭), piccolo (Mi♭); Basso tuba, Trombone tenore-basso, Trombone contralto, Euphonium; Viola; Violoncello; Contrabbasso; 7 Vetri (2 musicisti); Coro misto (3 Soprani, 3 Contralti, 3 Tenori, 3 Bassi); 4 gruppi strumentali, ciascuno costituito da: 1 Flauto (anche Ottavino), 1 Clarinetto, 1 Fagotto, 1 Corno, 1 Tromba, 1 Trombone, 4 Violini, 1 Viola, 1 Violoncello, 1 Contrabbasso; live electronics

Durata: 135’ (per la versione definitiva di 1985)

Editore: Ricordi, partitura 133786 (1985) / libretto 133736

Committente: Biennale di Venezia

Prima esecuzione assoluta della prima versione
: Venezia, Chiesa di San Lorenzo, 25, 26, 28, 29 settembre 1984. La Biennale di Venezia (Settore Musica) / Teatro alla Scala, con la collaborazione del Comune di Venezia.

Ingrid Ade, Monika Bair-Ivenz, soprani – Bernadette Manca di Nissa, Susanne Otto, contralti – Mario Bolognesi, tenore – Ornella Marini, Heiner Müller, voci recitanti

Roberto Fabbriciani, flauto contrabbasso e basso, flauto, ottavino – Ciro Scarponi, clarinetto contrabbasso, clarinetto, piccolo – Giancarlo Schiaffini, basso tuba, trombone tenore-basso, trombone contralto, euphonium – Charlotte Geselbracht, viola – Christine Theuss, violoncello – Stefano Scodanibbio, contrabbasso – Roberto Barbieri, Paolo Chiarandini, vetri

Solistenchor des Instituts für Neue Musik der Staatlichen Hochschule für Musik, Freiburg – André Richard, direttore di coro – Chamber Orchestra of Europe – Claudio Abbado, Roberto Cecconi, direttori d’orchestra

Renzo Piano, spazio musicale – Emilio Vedova, interventi luce

Experimentalstudio der Heinrich-Strobel-Stiftung des Südwestfunks E.V., Freiburg (Breisgau), realizzazione live electronics – Luigi Nono, Hans-Peter Haller, regia del suono – Rudolf Strauss, ingegnere del suono – Bernd Noll, tecnico di laboratorio – Laboratorio per l’Informatica Musicale della Biennale (LIMB) di Venezia, Centro di Sonologia Computazionale (C.S.C.) dell’Università di Padova, realizzazione informatica – Luigi Nono, Alvise Vidolin, progettazione degli interventi – Sylviane Sapir, Mauro Graziani, programmazione ed esecuzione al Sistema 4i

Prima esecuzione della versione definitiva
: Milano, Stabilimento Ansaldo, 25, 26, 28, 30 settembre; 1, 2 ottobre 1985. Biennale di Venezia (Settore Musica) / Teatro alla Scala, stagione 1985/1986.

Ingrid Ade, Monika Bair-Ivenz, soprani – Hedwig Fassbender, Susanne Otto, contralti – Bernhard Gärtner, tenore – Ulrich Rausch, baritono – Margarita Broich, Heiner Müller, voci recitanti

Roberto Fabbriciani, flauto contrabbasso e basso, flauto, ottavino – Ciro Scarponi, clarinetto contrabbasso, clarinetto, piccolo – Giancarlo Schiaffini, basso tuba, trombone tenore-basso, trombone contralto, euphonium – Charlotte Geselbracht, viola – Christine Theuss, violoncello – Stefano Scodanibbio, contrabbasso – Carlo Boccadoro, Andrea Dulbecco, vetri

Solistenchor des Instituts für Neue Musik der Staatlichen Hochschule für Musik, Freiburg – André Richard, direttore di coro – Orchestra “Sinfonia Varsovia” – Claudio Abbado, Roberto Cecconi, Peter Hirsch, direttori d’orchestra

Renzo Piano, spazio musicale

Experimentalstudio der Heinrich-Strobel-Stiftung des Südwestfunks E.V., Freiburg (Breisgau), realizzazione live electronics – Luigi Nono, Hans-Peter Haller, regia del suono – Andreas Breitscheid, assistenza alla regia del suono – Rudolf Strauss, ingegnere del suono – Bernd Noll, Arturo Kempter, tecnici di laboratorio – Laboratorio per l’Informatica Musicale della Biennale (LIMB) di Venezia, Centro di Sonologia Computazionale (C.S.C.) dell’Università di Padova, realizzazione informatica – Luigi Nono, Alvise Vidolin, progettazione degli interventi

top

Sinossi

top

Altre versioni

Frankfurt, Alter Oper, Grosser Saal, 12 - 13 agosto 1987 (prima esecuzione in Germania). Ingrid Ade, Monika Bair-Ivenz, soprani – Sharon Cooper, mezzosoprano – Susanne Otto, contralto – Mario Bolognesi, tenoreRoberto Fabbriciani, flauti – Ciro Scarponi, clarinetti – Giancarlo Schiaffini, tuba, trombone, euphonium – Charlotte Geiselbracht, violaChristine Theus, violoncello - Stefano Scodanibbio, contrabassoSolistenchor Freiburg  André Richard, direttore di coroEnsemble ModernDavid Shallon, Roberto Cecconi, direttori d’orchestraExperimentalstudioder Heinrich-Strobel-Stiftung des SWF, live electronics – Luigi Nono, Hans-Peter Haller, Alvise Vidolin, regia del suono

Paris, Théâtre National de Chaillot, 1, 3, 4, 6, 7, 9 ottobre 1987. Festival d’automne à Paris (prima esecuzione in Francia). Ingrid Ade-Jeseman, Monika Bair-Ivenz, soprani – Sharon Cooper, Susanne Otto, contralti – Mario Bolognesi, tenore – Evelyne Didi, André Wilms, voci recitanti – Roberto Fabbriciani, flauti – Ciro Scarponi, clarinetti – Giancarlo Schiaffini, tuba, trombone, euphonium – Charlotte Geiselbracht, viola – Christine Theus, violoncello – Stefano Scodanibbio, contrabbasso – Solistenchor Freiburg – André Richard, direttore di coro – Ensemble Modern – David Shallon, Friederich Goldmann, direttori d’orchestra – Experimentalstudio der Heinrich-Strobel-Stiftung des SWF, live electronics – Luigi Nono, Hans-Peter Haller, Alvise Vidolin, regia del suono – Rudolf Strauss, ingegnere del suono – Bernd Noll, Rolf Pfäffle, tecnici del suono

Berlin, Kammermusiksaal der Philharmonie, 30 - 31 agosto 1988. Berliner Festwochen. Ingrid Ade-Jeseman, Monika Bair-Ivenz, soprani – Beatrice Mathez-Wüthrich, mezzosoprano – Susanne Otto, contralto – Peter Hall, tenore – Evelyne Didi, André Wilms, voci recitanti – Dietmar Wiesner, flauti – Wolfgang Stryi, clarinetti – Giancarlo Schiaffini, tuba, trombone, euphonium – Werner Dickel, viola – Joachim Griesheimer, violoncello – Thomas Fichter, contrabbasso – Solistenchor Freiburg - André Richard, direttore di coro – Ensemble Modern – Friederich Goldmann, Ingo Metzmacher, direttori d’orchestra – Experimentalstudio der Heinrich-Strobel-Stiftung des SWF, live electronics – Hans-Peter Haller, direttore tecnico – Luigi Nono, Hans-Peter Haller, Alvise Vidolin, André Richard, Rudolf Strauss, regia del suono

Amsterdam, Beurs Van Berlage Goederbeurs, 17, 18, 19 giugno 1992. Holland Festival (prima esecuzione in Olanda).  Sarah Leonard, Elena Vink, soprani – Kathrin Pfeiffer, Helena Rasker, contralti – Robert Coupe, tenore – Evelyne Didi, Mathias Jung, voci recitanti – Dietmar Wiesner, flauti – Harry Sparnaay, clarinetti – Tjeerd Oostendorp, tuba, trombone, euphonium – Zoltan Benyacs, viola – Dmitri Ferschtman, violoncello – Thom de Ligt, contrabbasso – Nederlands Kamerkoor - Huub Kerstens, direttore di coro – Radio Kamerorkest – Ingo Metzmacher, Peter Rundel, direttori d’orchestra – Experimentalstudio der Heinrich-Strobel-Stiftung des SWF, live electronics – Hans-Peter Haller, direttore tecnico – André Richard, Don-Oung Lee, Johannes Schöllhorn, Rudolf Strauss, Bernd Noll, Rolf Pfäffle, regia del suono – André Richard, coordinamento artistico

Salzburg, Kollegienkirche, 12 - 13 agosto 1993. Zeitfluss ’93, Salzburger Festpiele ’93 (prima esecuzione in Austria). Ingrid Ade-Jeseman, Monika Bair-Ivenz, soprani – Susanne Otto, Helena Rasker, contralti – Peter Hall, tenore – Evelyne Didi, André Wilms, voci recitanti – Dietmar Wiesner, flauti – Wolfgang Stryi, clarinetti – Gerard Buquet, tuba – Benny Sluchin, trombone contralto – Charlotte Geselbracht, viola – Helmut Menzler, violoncello – Thomas Fichter, contrabbasso – Boris Müller, Rumi Ogawa-Helferich, Reiner Römer, vetri – Solistenchor Freiburg – Ensemble Modern – Ingo Metzmacher, Peter Rundel, direttori d’orchestra – Experimentalstudio der Heinrich-Strobel-Stiftung des SWF, live electronics – André Richard, Hans-Peter Haller, Rudolf Strauss, Roland Breitenfeld, regia del suono – André Richard, coordinamento artistico e ideazione dello spazio musicale

Lisboa, Coliseu dos Recroios, 6 - 7 maggio 1995. 19° Encontros Gulbenkian de Música contemporânea, Homenagem a Luigi Nono (prima esecuzione in Portogallo). Ingrid Ade-Jeseman, Monika Bair-Ivenz, soprani – Helena Rasker, mezzosoprano – Susanne Otto, contralto – Peter Hall, tenore – Evelyne Didi, André Wilms, voci recitanti – Roberto Fabbriciani, flauti – Ciro Scarponi, clarinetti – Giancarlo Schiaffini, tuba, trombone, euphonium - Charlotte Geiselbracht, viola – Christine Theus, violoncello – Stefano Scodanibbio, contrabasso – Solistenchor Freiburg – Orquestra Gulbenkian – Emilio Pomarico, Kwamé Ryan, direttori d’orchestra – Experimentalstudio der Heinrich-Strobel-Stiftung des SWF, live electronics – André Richard, Hans-Peter Haller, Roland Breitenfeld, Rudolf Strauss, Bernd Noll, Rolf Pfäffle, regia del suono – André Richard, coordinamento artistico

Bruxelles, Halles de Schaerbeek, 4, 5, 6, 8, 9, 11, 12, 13 marzo 1997. Festival Ars Musica, Théâtre de la Monnaie (prima esecuzione in Belgio). Petra Hoffamnn, Monika Bair-Ivenz, soprani – Susanne Otto, Ananda Goud, contralti – Peter Hall, tenore – Caroline Chaniolleau, Mathias Jung, voci recitanti – Roberto Fabbriciani, flauti – Harry Sparnaay, clarinetti – Klaus Burger, tuba, euphonium – Michel Tilkin, trombone contralto – Yves Cortvrint, viola – Edmond Carlier, violoncello – Stefano Scodanibbio, contrabbasso – Solistenchor Freiburg – Orchestre symphonique de la Monnaie – Péter Eötvös, Kwamé Ryan, direttori d’orchestra – Experimentalstudio der Heinrich-Strobel-Stiftung des SWF, live electronics – André Richard, Roland Breitenfeld, Rudolf Strauss, Bernd Noll, regia del suono – André Richard, coordinamento artistico e ideazione dello spazio musicale – Robert Wilson, direzione di scena – Stefan Hageneier, costumi e collaborazione per lo spazio – Robert Wilson, Andreas Fuchs, luci – Holm Keller, drammaturgo

Akiyoshidai, International Art Village, 25, 26, 27 agosto 1998. The 10th Akiyoshidai International Contemporary Music Seminar & Festival (prima esecuzione in Giappone). Monika Bair-Iventz, Petra Hoffmann, soprani – Ananda Goud, Noa Frenkel, contralti – Peter Hall, tenore – Caroline Chaniolleau, Hermann Kretzschmar, voci recitanti – Dietmar Wiesner, flauti – Wolfgang Stryi, clarinetti – Michael Svoboda, tuba, trombone, euphonium – Geneviève Strosser, viola – Michael M. Kasper, violoncello – Thomas Fichter, contrabbasso – Rumi Ogawa-Helferich, Rainer Römer, Gregory Riffel, vetri – Solistenchor Freiburg – Ensemble Modern, Ensemble Akiyoshidai – Péter Eötvös, Peter Rundel, direttori d’orchestra – Experimentalstudio der Heinrich-Strobel-Stiftung des SWF, live electronics – André Richard, Roland Breitenfeld, Rudolf Strauss, Bernd Noll, regia del suono – Arata Isozaki, scena e luce - André Richard, coordinamento artistico e ideazione dello spazio musicale

Lucerne, Kultur und Kongresszentrum, Luzerner Saal, 24 - 25 agosto 2001. Lucerne Festival, Sommer 2001 (prima esecuzione in Svizzera). Monika Bair-Iventz, Petra Hoffmann, soprani – Susanne Otto, Noa Frenkel, contralti – Peter Hall, tenore – Caroline Chaniolleau, Mathias Jung, voci recitanti – Dietmar Wiesner, flauti – Wolfgang Stryi, clarinetti – Uwe Dierksen, tuba, trombone, euphonium – Susan Knight, viola – Eva Böcker, violoncello – Johannes Nied, contrabbasso – Rumi Ogawa-Helferich, Rainer Römer, Gregory Riffel, vetri – Solistenchor Freiburg – Ensemble Modern – Ingo Metzmacher, Bendix Dethleffsen, direttori d’orchestra – Experimentalstudio der Heinrich-Strobel-Stiftung des SWF, live electronics – André Richard, Reinhold Braig, Hans-Peter Haller, Bernd Noll, regia del suono – André Richard, coordinamento artistico e ideazione dello spazio musicale

Madrid, Teatro Monumental, 4 giugno 2003, Goethe Institut Inter Nationes (prima esecuzione in Spagna). Monika Bair-Iventz, Petra Hoffmann, soprani – Susanne Otto, Noa Frenkel, contralti – Hubert Mayer, tenore – Caroline Chaniolleau, Mathias Jung, voci recitanti – Roberto Fabbriciani, flauti – Ciro Scarponi, clarinetti – Klaus Bürger, tuba, trombone, euphonium – Stefano Scodanibbio, contrabbasso – Solistenchor Freiburg – André Richard, direttore di coro – Proyecto Guerrero, Joven Orquestra de la Generalitat Valenciana – Arturo Tamayo, Nacho de Paz, direttori d’orchestra – Experimentalstudio der Heinrich-Strobel-Stiftung des SWF, live electronics – André Richard, coordinamento artistico e ideazione dello spazio musicale

London, Southbank Centre, Royal Festival Hall, 9 - 10 maggio 2008. “Luigi Nono: Fragments of Venice” (prima esecuzione nel Regno Unito). Synergy Vocals – Caroline Chaniolleau, Mathias Jung, voci recitanti – Roberto Fabbriciani, flauti – Royal Academy of Music Manson Ensemble, London Sinfonietta – Diego Masson, Patrick Bailey, direttori d’orchestra – Experimentalstudio der Heinrich-Strobel-Stiftung des SWF, live electronics – André Richard, Reinhold Braig, Michael Acker, regia del suono – André Richard, coordinamento artistico e ideazione dello spazio musicale

top

Testi

top

Scritti di Nono

35. Prometeo (II versione, 1985)

Le prime idee, i primi studi, i primi abbozzi su Prometeo risalgono al periodo che segue immediatamente Al gran sole. Das atmende Klarsein e Io, frammento dal Prometeo, Diario polacco 2 e Guai ai gelidi mostri costituiscono, verso Prometeo, le tappe fondamentali.

L’itinerario di Prometeo (che abbiamo a lungo discusso nel volume Verso Prometeo, edito da Ricordi nel 1984, per la prima veneziana di S. Lorenzo) si potrebbe definire musicale-filosofico. Il tema dell’ascolto, dell’attenzione all’ascolto per “quel silenzio più grande della vita” che sempre torna ad “alitarci dallo spazio ogni volta che in qualche modo giungiamo ai confini della nostra esistenza” (Rilke); il tema dell’ascolto capace di spezzare le idolatriche catene dell’immagine, della narrazione, della successione dei momenti, del mero discorrere delle parole – ebbene, questo tema si è intrecciato indissolubilmente si è trasformato, cioè, in simbolo di quell’Aperto, di quel puro possibile o virtuale cui ogni cosa, ogni creatura fa cenno, in quanto proprio nel suo esistere si mostra, si ‘dona’ la sua provenienza da nulla.

Così ogni suono mostra la meraviglia dell’esserci-già senza aver saputo il suo inizio, la sua origine. E in ogni suono definito si mostra l’apertura del puramente possibile che l’ha destinato. Attenzione all’ascolto – filosofia del possibile: questa l’idea di Prometeo – questa l’opera cui il nostro Prometeo attende, sovvertendo il numero calcolante e la violenza impositiva dei vari Prometei della tradizione.

Questa idea, ora, ci sembra, se non realizzata (poiché mai l’idea si realizza poiché essa, nell’opera, è ovunque come in nessun luogo), certo resa chiara (di quella Klarheit che non è soluzione, ma riconoscimento, teoria tragica del problema stesso). Rispetto alla versione ascoltata a Venezia Prometeo è stato, per oltre 2/3, interamente riscritto. Le maggiori novità riguardano le parti orchestrali; l’uso più articolato e ricco, del live-electronics;

dello Studio sperimentale di Freiburg, la maggiore interazione (grazie anche al maggior peso attribuito al computer 4 i, del Centro di Sonologia di Padova) orchestra, solisti e live-electronics. L’allargamento delle potenzialità di tutti i mezzi, l’evidenziazione degli effetti di ‘sinergia’ tra essi, ciò dovrebbe permettere un ulteriore, decisivo sviluppo dello straordinario esperimento iniziato l’anno scorso a S. Lorenzo: l’uso dello spazio come strumento, come voce, come elemento integrante dell’evento musicale: la funzione dello spazio come, davvero, “pietra che canta”. La definitiva versione di Prometeo, che qui a Milano si presenta, questo problema vorrebbe con chiarezza esprimere: la possibilità di un nuovo spazio della musica stessa, che arricchisca e approfondisca l’ascolto, che sappia ‘inventarne’ nuove dimensioni.

(IE: 1985; LN-Ricordi 493-494)

top

Bibliografia

- Lydia Jeschke, Prometeo: Geschichtskonzeptionen in Luigi Nono Hörtragödie, Archiv  für Musikwissenschaft, Band XLII, Franz Steiner Verlag Stuttgart, Stuttgart 1997.

- Lydia Jeschke, Simultaneität als Kompositionsprinzip. Studien zu Prometeo, in La nuova ricerca sull'opera di Luigi Nono, a cura di G. Borio, G. Morelli e V. Rizzardi, Olschki, Firenze 1999 («Archivio Luigi Nono. Studi», I), pp. 121-134.

- Laurent Feneyrou, «…Undichterisch wohnet der Mensch…». Mythologies et figures mythiques dans le "Prometeo" de Luigi Nono, in «Musica e storia», Fondazione Ugo e Olga Levi, Volume V/1997, pp. 111-124.

- Laurent Feneyrou, "Luigi Nono: Prometeo, Tragedia dell'ascolto", GENESIS, Manuscrits-Recherche- Invention, n. 4/93, Jean Michel Place Édition IRCAM- Centre G. Pompidou, Paris 1993.

- Laurent Feneyrou, Prometeo, dramaturgie de l’invisible, in L’opéra eclaté. La dramaturgie musicale entre 1969 et 1984, a cura di G. Ferrari, L’Harmattan editeur, Paris 2006, pp. 198-207.

- Luigi Nono, Verso Prometeo, a cura di M. Cacciari, Ricordi, Milano 1984.

- Nono Vedova. Diario di bordo: da “Intolleranza ‘60” a “Prometeo”, a cura di S. Cecchetto e G. Mastinu, Umberto Allemandi & C., Torino 2005.

All’interno:

Massimo Donà, Di un ascolto “ancora possibile”. In margine al Prometeo di Nono, Cacciari e Vedova, pp. 53-63.

Giorgio Mastinu, Prometeo, Proteo, Icaro, pp. 65-71.

Luigi Nono, Studi per Prometeo, pp. 73-91.

Emilio Vedova, Segni-immagini in movimento per Prometeo, pp. 93-101.

- Irene Comisso, Luigi Nonos Prometeo. Tragedia dell'ascolto. Rekonstruktion der Verarbeitung des Mythos anhand der Textenwuerfe zum Libretto der Hoertragoedie, in Musiktheater der Gegenwart. Text und Komposition. Rezeption und Kanonbildung: Mit einem Schwerpunkt: Die Salzburger Ur- und Erstauffuehrungen in Theater und Musiktheater a cura di J. Kuehnel, U. Mueller, O. Panagl, Mueller-Speiser, Anif/Salzburg 2008, pp. 439-467.

top

Audio/video

  • 20605_nono_cover.gif

    [CD] Col legno WWE 2SACD 20605 2007

    Petra Hoffmann, Monika Bair-Ivenz, soprano Susanne Otto, Noa Frenkel, alto Hubert Mayer, tenore Sigrun Schell, Gregor Dalal, voci recitanti Solistenchor Freiburg Solistenensemble des Philharmonischen Orchesters Freiburg Solistenensemble des SWR Sinfonieorchesters Baden-Baden und Freiburg ensemble recherche Realizzazione elettronica EXPERIMENTALSTUDIO für akustische Kunst e. V., Coordinazione artistica di André Richard Peter Hirsch, primo direttore Kwamé Ryan, secondo direttore

    Registrazione del 16-18 Maggio 2003 presso la Konzerthaus Freiburg, Rolf Böhme Saal

  • Picture 4.png

    [CD] Col Legno WWE 2SACD 20605 2006

    Solistenensemble des Philharmonischen Orchesters Freiburg und des SWR Sinfonieorchesters; Solistenchor Freiburg; dir. Peter Hirsch, Kwamé Ryan e André Richard.

  • [CD] EMI Classics 7243 5 55209 2 1995

    Ingrid Ade-Jesemann, Monika Bair-Ivenz, Susanne Otto, Helena Rasker, Peter Hall, André Wilms, Evelyne Didi, Solistenchor Freiburg; Ensemble Modern; EdHSS, direzione del suono; dir. André Richard; direzione dell'orchesta di Ingo Metzmacher e Peter Rundel.

  • [CD] Sony SK 53978 1994

    Ingrid Ade-Jesemann, Monika Bayr-Ivenz, Susanne Otto, Peter Hall, Ulrike Krumbiegel, Mathias Schadock, Michael Hasel, Manfred Preis, Christhard Gössling, Solistenchor Freiburg; direzione del coro André Richard; EdHSS SWF, direzione del suono; dir. Claudio Abbado.

    Registrazione del solo frammento " 3 voci (a), Isola seconda, Hölderlin (b)". Edito anche nel CD Musicom MC 0007.

  • [CD] Registrazione privata della prima esecuzione dal vivo in Germania nel 1987. 1987

    Ingrid Ade, soprano; Monika Bair-Livenz, soprano; Sharon Cooper, mezzo soprano; Susanne Otto, alto; Mario Bolognesi, tenore; Ensemble Modern; Luigi Nono, direzione del suono; dir. Davis Shallon; 2° dir. Roberto Cecconi; EdHSS-SWF.

    ALN

top